Dalida - L’arlecchino gitano

“Quando un vibrar di chitarra
Accorata e bizzarra
Nasce cercando la luna
Che risplende serena
Un arlecchino gitano
Arriva da lontano
E canta la serenata
Ai segni di Granata

E’ primavera là nell’Estramadura
Sboccia la gioventù che pero non dura
Triste l’autunno già viene con la sera
Meglio percio baciar ogni bocca che puoi trovar

Quell’Arlecchino gitano
Che arrivo da lontano
Desta un vibrar di chitarra
Accorata e bizzarra
E sotto un raggio di luna
Rivede Colombina
Che ascolta la sereneta
Nel cielo di Granata

E’primavera là nell’Estramadura
Lei lo lascio perchè mai l’amore dura
E quando lo bacio non fu mai sincera
Meglio dimenticar alla bianca luna cantar

Quando un vibrar di chitarra
Accorata e bizzarra
Nasce cercando la luna
Che risplende serena
Un arlecchino gitano
Arriva da lontano
E canta la serenata
Ai sogni di Granata

E’ primavera ancor nell’Estramadura
Egli ha vent’anni in cuor e non si dipera
Certo una bocca ancor troverà sincera
Che gli farà scordar chi lo volle un giorno lasciar.”

Dalida - L’arlecchino gitano
Album: Milord (released in Italy) (1961)

  • Share/Bookmark

Leave a Reply

Bad Behavior has blocked 798 access attempts in the last 7 days.

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website.
Ok