Pooh - Aria di mezzanotte

“Era cresciuta in fretta
più di qualche stagione fa.
Sognava a testa bassa
tra i respiri della città.
Vorrei, vorrei, chissà cosa mai vorrei.
Pregava spegnendo la luce.
Lui era nato al porto
ma non era partito mai.
Sempre col fiato corto
rimandava il domani a poi.
Di lei, di lei, diceva non morirei,
ma poi non ci dormiva la notte.
Notte improvvisa, domenica spesa
tra novità.
Ridono insieme s’è arresa l’attesa,
sarà chissà.
Ed eccoli qui giocando a sognare
a dirsi promesse, a darsi parole,
a farsi l’amore.
Aria di mezzanotte
fra un minuto è già lunedi
l’alba ha le scarpe rotte
ma tra poco sarà già qui.
Vedrai, vedrai, accendono la città
e spengono insieme la notte.
Notte che passa, ma resta la festa
finché sarà
forse per gioco; per sempre per poco
sarà chissà.
E restano qui a darsi parole
le barche alla corda aspettano il sole,
e un giorno migliore.
E restano qui a darsi parole
le barche alla corda aspettano il sole,
e un giorno migliore.”

Pooh - Aria di mezzanotte (Facchinetti-Canzian-D’Orazio) - 4:04
Album: …Stop (1980)

  • Share/Bookmark

Leave a Reply

Bad Behavior has blocked 267 access attempts in the last 7 days.

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website.
Ok