Ricchi e Poveri - Cara Susanna

“Pensando ancora all’estate
in una notte in citta’
mi sveglio con molta sete
e tanta voglia di te.
sembra il rumore del mare
un’auto che se ne va’
io vorrei tanto sapere
cosa ci faccio in citta’.
cara susanna amore mio dal cuore di panna
l’amore e’ come una buccia di banana
che scivola gia’ adesso che tu sei lontana
com’e’ banale
cara susanna ti resta un cuore una capanna
di quelle notti soli per ballar la samba
e senza te mi reggo solo su una gamba
cara susanna
le spiagge calde le voci l’estate
cara susanna mi coccolavi come una mamma
in quella notte soli sotto il firmamento
e con la mano al cuore hai fatto un giuramento
che un giorno torni
e penso ancora a quel sole
dietro una tazza di te’
e quello che mi ci vuole
di meglio forse non c’e’
ma quando torni
i tuoi in fotografia
io vorrei tanto sapere
se tu sei ancora un po’ mia
cara susanna amore mio dal cuore di panna
di quella notte soli sotto il firmamento
e con la mano al cuore hai fatto un giuramento
che un giorno torni
cara susanna ti resta un cuore una capanna
di quelle notti soli per ballar la samba
e senza te mi reggo solo su una gamba
cara susanna amore mio dal cuore di panna
l’amore e’ come una buccia di banana
che scivola gia’ adesso che tu sei lontana
hanno il colore del mare.”

Ricchi e Poveri - Cara Susanna
Album: Nascera Gesu (1988)

  • Share/Bookmark

Leave a Reply

Bad Behavior has blocked 650 access attempts in the last 7 days.

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website.
Ok